Come cambia il rapporto tra brand e influencer marketing ai tempi del virus

Il team PR & Influence di Graphicnart ha realizzato uno studio, sulla base di una survey inedita somministrata a più di 80 influencer, che individua come l’influencer marketing possa diventare una leva strategica per le aziende per essere rilevanti nel contesto attuale

Con l’emergenza coronavirus anche il marketing mix delle aziende deve adeguare obiettivi e asset. Per questo motivo il team Pr & Influencer di Graphicnart ha voluto analizzare le potenzialità dell’influencer marketing come leva strategica. “In un momento come questo, dove siamo chiamati a dare risposte pronte e proattive ai nostri clienti che stanno reagendo all’emergenza creata dalla pandemia, abbiamo ritenuto importante fare un’approfondita riflessione su uno degli strumenti del marketing mix che oggi più risultare davvero strategico per adattarsi alle nuove esigenze della comunicazione che deve necessariamente essere più rilevante, valoriale, realistica, personale. Da un’analisi del mercato italiano, ma anche dall’ascolto degli influencer stessi, capiamo che oggi le parole chiave sono digitale e autenticità. Le persone scelgono oggi brand che hanno qualcosa da dire e che agiscono concretamente. E i brand spesso scelgono di parlare attraverso gli influencer, capaci di avvicinarli alla loro audience. Inoltre, questa è forse una grande opportunità per far evolvere l’intera industry: da mero strumento di advertising a vero e proprio modello di produzione dei contenuti basato sui talenti e le capacità professionali degli influencer”.

Se su Facebook raccontano una “nuova normalità”, sensibilizzano sui comportamenti corretti da seguire per prevenire la diffusione del coronavirus e coinvolgono le community, su Instagram pensano anche a ispirare e intrattenere.

Tik Tok, il canale dedicato soprattutto alla Generazione Z, è lo spazio in cui gli influencer diventano “compagni di quarantena”, puntando sull’ironia ma anche con uno scopo educativo nei confronti dei giovanissimi.

Twitter è invece utilizzato soprattutto per dar voce a talent ed expert e anche per promuovere progetti di charity.

Youtube, piattaforma di video, rimane un canale centrale in un momento in cui le persone cercano contenuti in grado di intrattenere e ispirare, anche di lungo formato, o live streaming, creando una forte relazione tra i creator e i brand con le community.

Infine, anche Twich, piattaforma di gaming, si trasforma con meccanismi più interattivi, dando spazio alle challenge.

In effetti, l’85% degli influencer intervistati afferma che la produzione dei propri contenuti sui social network è cambiata, per il 39% sia nei formati sia nei topic e moltissimi (84%) sottolineano come sia aumentata l’autenticità. A detta degli influencer i formati più rilevanti sono le IG stories, i video, le dirette Instagram. A livello di topic, ovviamente per molti i temi inerenti al Covid-19 e alla quarantena sono diventati centrali. Aumentati i contenuti indoor, quelli con un taglio informativo ed educativo. Infine, molti influencer si sentono investiti di un ruolo importante per le proprie community: trasmettere positività e speranza.

COSA POSSONO FARE PER I BRAND?

In primis dalla ricerca risulta che il dialogo tra influencer e aziende non si è interrotto. Nel 74% dei casi, infatti, gli influencer rispondono di essere stati contattati da un brand nelle ultime settimane, anche con cui non avevano mai lavorato prima (43%). Per la maggior parte le collaborazioni sono focalizzate sull’emergenza Covid-19 o su un breve periodo di tempo (74%), ma per 1 su 3 possono essere anche partnership di medio-lungo periodo.

È anche vero, però, che assistiamo ad un diverso balance tra contenuti branded e unbranded, dove i secondi prevalgono. La quasi totalità degli intervistati sarebbe felice di mettere a disposizione la propria expertise per attività digital di brand, soprattutto incentrate su valori e messaggi più alti. Il ruolo fondamentale è quello di content creator e per il 37% anche in forma anonima. Largo, dunque, a workshop, tutorial e format di edutainment con argomenti di intrattenimento in linea con la loro expertise.

In un momento come questo, dove molto si sposta sul digitale, tanti influencer ritengono di essere un asset importante per le aziende: per fare consideration, per avvicinare i brand alle community, per intrattenere, per fare awareness su prodotti e iniziative di brand – sempre meaningful –, ma anche per informare ed educare.

Guardando al futuro, la maggior parte degli influencer crede, infatti, che la propria professione sia destinata a cambiare. E spera che il cambiamento vada nella direzione di creare collaborazioni con le aziende in modo sempre più coerente, dando spazio a messaggi e valori più che alla semplice promozione di prodotti ed iniziative.

Posted on 8 Aprile 2020 in blog_nuovo

Share the Story

About the Author

Back to Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi